top of page

Diventare madre: fra coraggio, meraviglia e dolore

Ricordi dolcissimi e fortissimi, quelli legati alla mia gravidanza, che ho vissuto come un momento di grande ascolto e pienezza e che oggi tornano a farmi visita in questa giornata dedicata alle mamme. Perché la maternità, è si tanta gioia e stupore, ma non sempre come donne riusciamo a viverla con serenità a appagamento.



Le tante emozioni del materno


Entrano tante mamme nel mio studio.

Alcune sono in preda ai loro ormoni e si sentono dentro il caos più completo, altre non riescono a percepirsi e fare contatto con questa esperienza travolgente. Mi riferiscono di sentirsi come in una bolla, dove tutto arriva ovattato.


Altre mamme entrano in questo spazio con il dolore degli aborti che si sono susseguiti, un tipo di esperienza che ha un impatto profondissimo sulla sfera emotiva e relazionale di una donna e che provoca emozioni devastanti, oltre ad un grande senso di smarrimento.

E ci sono anche le mamme che per svariati motivi sono alla ricerca di una maternità e stanno seguendo complessi percorsi di fecondazione assistita, o sono in attesa di adozione.


Anche loro sono delle meravigliose mamme.

Sono mamme perché dentro hanno già partorito l'idea di prendersi cura di qualcuno che è altro da sé. Qualcosa che modificherà per sempre le loro vite.



Il coraggio delle mamme


Le mamme sono sole, e diciamocelo, oggi è una scelta coraggiosa quella di diventare madre. I diritti sono pochi, spesso solo su carta, le tutele e gli spazi offerti dalla società non sono adeguati, e vogliamo parlare dello stipendio e dell'orario? Quando mi trovo ad ascoltare donne che fanno i conteggi per poter rimanere più possibile accanto al loro bambino mi vengono i brividi.


La nostra società "sostiene la maternità" facendo unicamente affidamento sui nonni.


E le mamme sono stanche, sono dentro ad una tempesta che ha cambiato la loro percezione dello spazio, del tempo e che spesso le ha portate a sviluppare difficoltà fisiche e psichiche. Le mamme vanno sostenute e ce ne dobbiamo prendere tutti cura.



Ci sarebbe molto da dire ancora su ansia, stress, archetipo materno, in questo articolo proverò a darti qualche suggerimento per resistere a questa tempesta e goderti appieno questo magico momento (senza affogare nel mare dello stress)


1. Scegli uno spazio tutto per te e prenditene cura

"Tu la fai facile!

Ma come faccio???

Non dormo, non mangio e quando ci riesco mi sento tesa e in ansia, che trangugio tutto quello che trovo!"


Non deve essere uno spazio ritagliato, che "se ho tempo lo faccio". Deve diventare uno spazio programmato. "Una stanza tutta per te". Quello spazio è tutto tuo e non devi giustificarti per potertelo concedere.


Ricorda che prenderti cura di te stessa è fondamentale per poter prenderti cura del tuo bambino. Come dico sempre alle mie pazienti, in aereo l'hostess ci insegna che prima ci mettiamo la mascherina dell'ossigeno e poi la mettiamo ai nostri cari, e non viceversa!

Assicurati di dormire quando puoi, mangiare cibi nutrienti e cercare di trovare momenti per rilassarti o fare attività che ti piacciono.





2. Chiedi aiuto

Quando ti rendi conto che c'è qualcosa che non va, non esitare a chiedere aiuto.

La maternità può diventare davvero impegnativa e avrai momenti di stanchezza o di incertezza. Chiedi alle persone di fiducia, come il partner, la famiglia o gli amici, un aiuto pratico e un sostegno emotivo. E se senti che tutto questo non basta, affidati ad un professionista che possa aiutarti ad elaborare i tuoi vissuti e sostenerti in questo delicato momento.



3. Stabilisci una routine

Mens Sana in Mens Ordinata!

La creazione di una routine quotidiana può aiutarti e aiutare il tuo bambino a sentirsi più sicuro e confortato. Crea orari per i pasti, il sonno e le attività quotidiane. Ciò può contribuire a stabilizzare l'ambiente e a ridurre l'ansia sia per te che per il tuo bambino.



4. Accetta l'imperfezione

Ricorda che nessuno è perfetto e non esiste la ricetta della "madre perfetta". Ogni mamma affronta sfide diverse e fa del suo meglio. Non essere troppo dura con te stessa e accetta che ci saranno momenti difficili e imprevisti lungo il percorso.




5. Crea e mantieni una rete sociale

Cerca di connetterti con altre mamme o gruppi di supporto nella tua comunità o online. Condividere esperienze, preoccupazioni e successi con altre persone che stanno attraversando una situazione simile può essere di grande conforto.


Questo è il link di una pagina gestita da una mamma di San Benedetto del Tronto, che da sempre sostiene le mamme promuovendo momenti di condivisione e dando consigli pratici. Prova a dare uno sguardo: https://www.facebook.com/lemammedelpiceno


6. Vivi tuo figlio con tutti i tuoi sensi

Dedica del tempo ogni giorno per giocare, coccolare e interagire con il tuo bambino. Il legame affettivo è essenziale per lo sviluppo del tuo bambino e può portare gioia e gratificazione a te come mamma. Spegni quel cellulare mentre lo allatti!


Scrollare Instagram per qualche minuto può darti un senso di "scarico", ma ti allontana solo dai tuoi sensi. E i tuoi sensi sono le bussole con cui ti muovi nel mondo e con cui puoi percepire la bellezza di ogni esperienza.


Cerca di goderti quest'esperienza magica, che non tornerà più, con tutti i tuoi sensi.

Annusalo, respira, ascolta come il tuo corpo si apre ed è capace di nutrire.


7. Affronta lo stress (se scappi non serve a nulla)

Ci sono tanti modi per affrontare lo stress, quelli più comunemente usati non sono sempre sani. Spesso infatti nei momenti di stress tendiamo a rifugiarci nel cibo, nello shopping compulsivo o in attività che, anche se in un primo momento possono darci sollievo, in seconda istanza producono l'effetto opposto: frustrazione, impotenza e malessere.


Praticare la meditazione, lo yoga o fare una passeggiata, ma non solo.

Per rilassarti e ricaricare le energie puoi imparare a sollecitare la tua creatività, arma di distruzione contro lo stress. Sto preparando un articolo pieno di tecniche per imparare a farlo.



Se l'articolo ti è piaciuto e ti è stato utile, ti chiedo di condividerlo con chi, come te, potrebbe averne bisogno, cliccando in alto su condividi.


Un abbraccio e a presto!


Claudia

24 visualizzazioni0 commenti
bottom of page